Automobilismo: la seconda giornata del Safari in Kenya

Automobilismo: la seconda giornata del Safari in Kenya

Nella seconda giornata del Safari in Kenya, i concorrenti superano le difficoltà del terreno per questo meraviglioso Mondiale del Rally. Ritiri, incidenti, di tutto e di più che coinvolgono i piloti. Sulla piattaforma del gioco digitale, gli utenti interessati possono trovare ogni categoria di gioco dove è possibile accedere dal proprio mobile e alla versione live, inoltre, il sito offre tanti ricchi premi bonus e promozioni che per avere maggiori informazioni si può linkare su sportaza Casinò login 

Di tutto e di più nella seconda giornata in Kenya

Per fare la propria valutazione dell’immobile online, come fare? Tutti i consigli e le informazioni necessarie sono scritte in questo link. Durante la gara di questa seconda giornata, ci sono due ritiri, quelli di Sebastien Loeb e Sebastien Ogier a causa delle forture delle gomme. Mentre il leader finlandese, Kalle Rovanpera, stava per falliregià  verso la prima curva poichè ha schivato un cappottamento forse a causa della troppa velocità, ma alla fine è riuscito bene a riprendere il comando con ottime prestazioni superando gli altri piloti. Venerdì del Rally Safari Kenya è arrivato con sei tratti cronometrati sui124,2 km sulle prove speciali. In effetti quella più lunga è di Kedong poichè sono  31,25 km dove sempre il leader finlandese Kalle Rovanpera con la sua Toyota GR Yaris Rally1 è ancora in testa. Ott Tanak, parte in salita, ma gli si rompe la leva del cambio alla continua la gara cercando di cambiare le marce ma alla fine non ce la fa. Il pilota Sebastien Loeb con la Ford Puma vince le prime prove speciali, ma per via di una toccata c’è stato  un danno alla vettura. Insomma con un terreno difficoltoso tra pietre e polvere, i piloti del Mondiale Rally hanno quasi tutti delle problematiche.

Strada insidiosa

Quindi per tutta la seconda giornata, Sebastien Loeb perde tempo per tutta la polvere per via della strada tanto insidiosa. In effetti il pilota poi in seguito ha commentato: ” Ho dovuto aspettare per ripartire per il grande polverone!” Gus Greensmith invece, è alle prese di una foratura e si è dovuto fermare. Insomma la classifica è salita con Evans, Ogier, Rovanpera e Takamoto Katsuta. Anche il pilota belga, Thierry Neuville perde tempo, mentre Sebastien Loeb come dicevamo si è dovuto ritirare, come Ott Tanak per una foratura. Ma i problemi per i piloti non finiscono qui, anche Adrien Fourmaux ne ha avuti per quanto riguarda la meccanica. Invece Craig Breen si ferma due volte a causa di altri problemi anche lui alla sua auto.

Conclusione

Nonostante i problemi comunque, nella gara delle prove speciali di questa seconda giornata , il vincitore resta Kalle Rovanpera grazie alla foratura di Sebastien Ogier. In effetti il pilota finlandese fa una buona tempistica con 22”4 di vantaggio su Elfyn Evans, mentre Ott Tanak resta davanti a Katsuta. Una difficoltà che tuttavia è stata superata ma abbastanza dura per mettere alla prova i concorrenti di questo Safari in Kenya per il mondiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.